Lepinia News

Il nostro Blog sempre aggiornato

riparazioni e sismabonus 110%

lepinia-blog

Tutti gli interventi di riparazione o locali sono agevolati con il Superbonus 110%. Il chiarimento è arrivato con una risposta della Commissione Consultiva per il monitoraggio del Decreto Ministeriale n. 58/2017 sollecitata dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e dell’A.n.c.e..
La Commissione, istituita presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, è operativa dalla fine dello scorso anno e monitora l’attuazione delle norme relative al bonus sisma.
Interventi di riparazione o locali, il dubbio
Il CNI e Ance hanno sottolineato che il Superbonus per gli interventi antisismici fa espresso riferimento ai lavori previsti dal comma 1-bis dell’articolo 16 del DL 63/2913. Si tratta degli interventi contenuti nell’articolo 16-bis, comma 1, lettera i) del Dpr 917/1986 relativi all’adozione di misure antisismiche, con particolare riguardo alle opere per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali.
CNI e Ance hanno chiesto se gli interventi di riparazione o locali, definiti dal punto 8.4 delle Norme Tecniche per le Costruzioni – NTC (Decreto Ministeriale n. 17 gennaio 2018), siano compresi tra quelli agevolati con il Superbonus.
Gli interventi di riparazione o locali riguardano singole parti e/o elementi della struttura. Non devono cambiare significativamente il comportamento globale della costruzione, ma sono utili a ripristinare le caratteristiche iniziali dopo un danno, migliorare le caratteristiche di resistenza e/o di duttilità di elementi o parti, anche non danneggiati, impedire il collasso locale, modificare un elemento o una porzione limitata della struttura. Il progetto e la valutazione della sicurezza possono essere riferiti alle sole parti e/o elementi interessati. Superbonus per gli interventi di riparazione o locali.
La Commissione ha esordito spiegando la necessità di eliminare tutte le incertezze che impediscono la massima diffusione degli interventi strutturali.
La risposta evidenzia che il Decreto Ministeriale n. 329/2020, contenente le linee guida per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni e le modalità per l’attestazione dell’efficacia degli interventi effettuati, utile ad ottenere il Superbonus, ha aggiunto l’opzione “nessun salto di classe” al Decreto Mministeriale n. 58/2017. È stato così definito, sostiene la Commissione, l’orizzonte tecnico di applicabilità del Superbonus.
Di conseguenza, la Commissione ritiene che gli interventi di riparazione o locali rientrino a pieno titolo tra quelli che possono usufruire del Superbonus 110%.
La Commissione ha precisato che, tra gli interventi di riparazione o locali, quelli destinati a modificare un elemento o una porzione limitata della struttura non rientrano nel campo di attuazione del sismabonus e ha fornito, a titolo esemplificativo e non esaustivo, un elenco degli interventi che danno diritto al Superbonus:
_ interventi sulle coperture, e più in generale sugli orizzontamenti, o su loro porzioni finalizzati all’aumento della capacità portante, alla riduzione dei pesi, alla eliminazione delle spinte applicate alle strutture verticali, al miglioramento dell’azione di ritegno delle murature, alla riparazione-integrazione-sostituzione di elementi della copertura, ecc.;
_ interventi di riparazione e ripristino della resistenza originaria di elementi strutturali in muratura e/o calcestruzzo armato e/o acciaio, ammalorati per forme di degrado provenienti da vari fattori (esposizione, umidità, invecchiamenti, disgregazione dei componenti ecc.);
_ interventi volti a ridurre la possibilità di innesco di meccanismi locali, quali, ad esempio, l’inserimento di catene e tiranti contro il ribaltamento delle pareti negli edifici in muratura, il rafforzamento dei nodi trave-colonna negli edifici in c.a. contro la loro rottura prematura, prima dello sviluppo di meccanismi duttili nelle travi, la cerchiatura, con qualunque tecnologia, di travi e colonne o loro porzioni, volta a migliorarne la duttilità, il collegamento degli elementi di tamponatura alla struttura di c.a. contro il loro ribaltamento, il rafforzamento di elementi non strutturali pesanti, come camini, parapetti, controsoffitti, etc., o dei loro vincoli e ancoraggi alla struttura principale.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto